igiene orale

I nostri consigli per la tua igiene orale

La salute della bocca è un aspetto cruciale per il benessere generale e una corretta igiene orale è fondamentale per mantenere non solo un sorriso sano, ma anche una salute orale ottimale.

L’importanza della prevenzione

Una corretta igiene orale quotidiana rappresenta una misura preventiva essenziale per mantenere lontani i batteri, riducendo così il rischio di carie, infiammazioni alle gengive e altri problemi del cavo orale. Tuttavia, la prevenzione non si ferma alla pulizia quotidiana: è altrettanto importante sottoporsi a sedute di igiene orale professionale e controlli periodici dal dentista, che aiutano a individuare tempestivamente i fattori di rischio per il cavo orale e a prevenire il manifestarsi di disturbi fastidiosi.

Prenota una visita di controllo

Controlli preventivi dal dentista

Le pratiche preventive contribuiscono alla salvaguardia delle gengive e delle ossa che supportano le arcate dentarie e a prolungare la vita dei denti. Tra le misure preventive più importanti vi sono l’igiene orale professionale, il test del pH salivare, la sigillatura dei solchi dentali e la fluoroprofilassi.

L’igiene orale professionale permette di rimuovere non solo la placca, ma anche il tartaro, attraverso l’utilizzo di strumenti manuali e ultrasonici e permette di prevenire l’insorgenza di infezioni.

Il test del pH salivare è un indicatore che permette di monitorare e prevenire eventuali patologie del cavo orale, mentre, per i più piccoli, sono più indicate la fluoroprofilassi e la sigillatura dei solchi. La fluoroprofilassi favorisce la mineralizzazione dello smalto, riducendo così il rischio di carie, mentre la sigillatura dei solchi dentali prevede l’applicazione di un materiale composito nei solchi occlusali dei denti permanenti, specialmente nei primi molari, per proteggerli dalla carie.

sigillatura dei molari
Esempio di sigillatura dei solchi

Spazzolino elettrico o manuale?

La riduzione degli accumuli di placca è fondamentale per prevenire l’insorgere di malattie parodontali. La scelta tra spazzolino elettrico e manuale è una decisione personale, ma conoscere i benefici di entrambi può guidare verso la scelta migliore.

La distinzione principale tra i due modelli di spazzolino riguarda il loro modo di operare: mentre lo spazzolino elettrico svolge gran parte del lavoro attraverso i movimenti delle setole, lo spazzolino manuale richiede uno sforzo diretto da parte dell’utente, il quale deve garantire una corretta esecuzione dei movimenti. Con lo spazzolino manuale, infatti, bisogna prestare attenzione a non esercitare troppa pressione sulle gengive e sui denti.

Alcune ricerche scientifiche hanno dimostrato che gli spazzolini elettrici, se utilizzati correttamente, risultano più efficaci nel ridurre la placca batterica rispetto a quelli tradizionali: questo fattore rappresenta un vantaggio particolarmente rilevante per individui con limitate capacità manuali, come anziani e soggetti predisposti alle malattie gengivali e parodontali. Tuttavia, è essenziale adottare la giusta tecnica di spazzolamento per garantire un’igiene orale corretta, indipendentemente dal tipo di spazzolino utilizzato.

Come lavare bene i denti?

Una corretta tecnica di spazzolamento è cruciale per mantenere in salute i denti:

  • spazzolare i denti almeno due-tre volte al giorno per 3 minuti;
  • pulire un’arcata per volta;
  • non trascurare le superfici interne dei denti;
  • evitare lo spazzolamento orizzontale delle superfici interne ed esterne dei denti, poiché non elimina efficacemente la placca batterica e rischia di traumatizzare le gengive;
  • nelle superfici esterne dei denti, è importante esercitare piccoli movimenti circolari e movimenti verticali, dalla gengiva al dente e non il contrario, per evitare di spingere la placca nel solco gengivale;
  • non imprimere troppa forza nello spazzolamento;
  • pulire gli spazi interdentali con filo interdentale o scovolino quotidianamente;
  • seguire le indicazioni del professionista per una tecnica personalizzata.

Dentifricio: guida alla scelta

La vasta gamma di dentifrici disponibili può rendere complicata la scelta del prodotto più adatto alla propria igiene orale; tuttavia, la selezione del dentifricio giusto è fondamentale per soddisfare esigenze specifiche.

Le opzioni presenti sul mercato sono:

  1. dentifrici per denti e gengive sensibili, che spesso contengono ingredienti come idrossiapatite, sali di fluoro e nitrato di potassio. Questi prodotti mirano a ridurre la sensibilità e a dare sollievo;
  2. dentifrici sbiancanti, che utilizzano elementi chimici e particelle abrasive per rimuovere le macchie superficiali e lucidare la superficie dei denti. La scelta di questi dentifrici richiede una valutazione attenta ed è fondamentale alternare questi prodotti ai dentifrici tradizionali, per evitare un eccessivo effetto abrasivo;
  3. dentifrici antiplacca, che integrano sostanze antibatteriche come iodio, cloruro di sodio e sali di metalli, agendo direttamente sulla prevenzione dell’accumulo di placca (alcuni di questi possono contenere anche enzimi che ostacolano la proliferazione batterica nel cavo orale);
  4. dentifrici per bambini, la cui scelta richiede particolare attenzione. Fino ai 6 anni, la concentrazione di fluoro dovrebbe essere non maggiore di 500 ppm per evitare il rischio di fluorosi. Può risultare utile optare per prodotti dal gusto gradevole e dai colori accattivanti, per rendere la routine di igiene orale più piacevole per i più piccoli.

La scelta del dentifricio dipende dalle esigenze personali, dall’età e dalla salute generale: è fondamentale consultare il proprio dentista o igienista dentale per ottenere raccomandazioni personalizzate e garantire una scelta consapevole.

I rivelatori di placca

Sebbene dentifricio e spazzolino siano senza dubbio strumenti essenziali per la pulizia quotidiana dei denti, raggiungere il 100% delle superfici durante lo spazzolamento può essere impegnativo: in questo contesto entrano in gioco i rilevatori di placca, strumento prezioso per garantire che ogni angolo della bocca riceva l’attenzione necessaria.

I rilevatori di placca sono progettati per identificare le aree trascurate durante lo spazzolamento ed evidenziano le zone in cui la pulizia dovrebbe essere migliorata grazie a sostanze colorate che si legano ai depositi di placca, rendendoli visibili. Questi prodotti, sotto forma di compresse masticabili o liquidi colorati, forniscono un risultato istantaneo, aiutando a individuare immediatamente le zone critiche in cui i batteri possono accumularsi.

L’uso regolare di questi dispositivi non solo migliora la consapevolezza della propria igiene orale, ma svolge anche un ruolo educativo, perché permette di migliorare la propria tecnica di spazzolamento: integrare questo strumento nella routine di igiene orale può contribuire significativamente alla prevenzione delle carie, alla salute delle gengive e al mantenimento di una bocca fresca e pulita.

La salute orale è collegata al benessere generale e la consapevolezza delle giuste pratiche di igiene orale può fare la differenza nel preservare denti e gengive.

Prenota una visita di controllo

Asisa Care
Call Now Button